RD 350: le origini - La serie RD PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 01 Dicembre 2009 13:44
Indice
RD 350: le origini
La serie YR
La serie RD
La RD 400
Tutte le pagine

 

LA SERIE RD

 

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quando nel 1970 la Kawasaki fece uscire la Mach III 500, moto mostruosamente positiva per il tiro di motore quanto negativa per la stabilità di telaio, la Yamaha dovette correre ai ripari creando l' RD 350 nel lontano 1973.Con questa moto la Yamaha decise di tagliare definitivamente gli avversari, in quanto posseditrice di soluzioni tecniche all'avanguardia. La principale caratteristica, copiata a distanza di tempo dalla DKW ma in anticipo addirittura sulle proprie versioni da G.P., risiedeva nell'ammissione lamellare nel cilindro; in seguito adottata nelle corse prima come prova nel 1973 sulla TZ 500 portata da Jarno Saarinen e poi definitivamente nel 1974 sulle TZ 750.
Con l'ammissione lamellare aumentano a sette le luci sul cilindro e viene montata un nuova testata ,nuovi cilindri, mentre i carburatori rimangono da 28mm.
Per quanto riguarda la ciclistica, possiamo dire che è praticamente identica alla YR 5, tranne per il fatto che al freno anteriore ora viene montato un freno a disco singolo con pinza flottante.
La moto spopola e quindi viene deciso di far uscire una nuova versione denominata RD 350 B, con l'unica differenza del cambio a sei marce.

  

                                                      

 

  



Ultimo aggiornamento Mercoledì 06 Gennaio 2010 13:26